4 voci che dovete leggere e rileggere prima di firmare il vostro nuovo abbonamento in palestra

20 Agosto 2018by Motyka0
image_preview.jpeg

Spesso gli abbonamenti alla palestra più convenienti durano pochi mesi, ma per restare o tornare in forma ci vuole impegno, sacrifico e tanta forza di volontà.

In questo articolo tutto quello che dovreste sapere prima di firmare un contratto civetta per la palestra.

Prima una premessa (breve)

Correre in palestra ai ripari prima della cosiddetta prova costume potrebbe farvi firmare un contratto trimestrale che non mantiene le promesse che vi promette.

Se pensate che basta alzare pesi a casaccio per dimagrire, siete completamente fuori strada, molti dei nostri iscritti prima di iniziare un percorso con noi per dimagrire, tornare in forma, imparare una nuova disciplina si sono letteralmente rotti la schiena a causa della disattenzione con cui avevano utilizzato gli strumenti nella palestra precedente.

Pensare che dopo un solo mese di allenamento, si possono ottenere dei risultati è sbagliato. Spesso sono necessari anni per poter plasmare il proprio fisico ed ottenere dei veri risultati.

Il segreto è allenarsi costantemente e bisogna farlo sempre senza mai dimenticare il divertimento.

Ma veniamo al punto, ecco secondo noi quali sono le voci da attenzionare prima di firmare un contratto in palestra:

– Voce “malattia”

Durante l’anno può capitare di dover rinunciare all’attività sportiva perché si deve partire per lavoro oppure a causa di un problema fisico. Controlla che nel contratto ci sia la possibilità di sospendere l’abbonamento: in genere è consentito almeno per malattia, a patto di presentare un certificato medico.

– Voce “disdire”

La maggior parte dei contratti non prevede nessun rimborso per la disdetta anticipata, diverse sentenze hanno dimostrato che si tratta di una clausola vessatoria, ma per avere indietro i soldi dovresti portare la questione in tribunale. Quindi, se non sei sicuro/a di poter frequentare la palestra per l’intero periodo, scegli una formula più breve anche se meno conveniente.

– Voce “rinnovare”

Alcuni abbonamenti si rinnovano automaticamente alla scadenza. A volte è necessario disdire alcuni mesi prima, in forma scritta, per evitare di ritrovarsi iscritto/a per un altro anno.

– Voce “finanziamento”

Molte palestre propongono di diluire il costo dell’abbonamento annuale in rate, con un finanziamento. Per capire se ti conviene rispetto a una formula più breve, moltiplica l’importo delle rate per il loro numero, poi dividilo per 12: otterrai il costo mensile del tuo pacchetto.

Adesso che conosci quali sono le quattro voci da leggere e rileggere più volte prima di firmare il vostro nuovo abbonamento in palestra, non farti fregare dagli abbonamenti civetta.

Fai sempre delle domande e non lasciare nulla al caso.

Fare delle domande è sempre lecito!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *